Federazione Coldiretti Ferrara

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

09/08/2019 - N.

BENE IL TAVOLO ANTICIMICE, MA BISOGNA ACCELERARE I TEMPI E TROVARE RISORSE PER SOSTENERE LE AZIENDE AGRICOLE COLPITE

E’ positivo l’avvio del tavolo interministeriale di crisi per affrontare definitivamente la questione della cimice asiatica che si sta moltiplicando nelle campagne ed in città, causando danni in Italia stimati per ora in circa 250 milioni di euro alle produzioni di mele, pere, kiwi, ma anche pesche, ciliegie, albicocche e piante da vivai. Ad affermarlo è il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nell’esprimere soddisfazione per l’annuncio del Ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio della convocazione del tavolo per combattere quella che è una vera e propria emergenza nazionale, dopo le richieste di immediato intervento fatte da Coldiretti sia al tavolo con il premier Giuseppe Conte che a quello del Viminale con il Ministro dell’Interno Matteo Salvini. 
 
“Non possiamo avere tempi ordinari rispetto a emergenze come l’arrivo di specie aliene, ad esempio la cimice asiatica, che invece richiedono provvedimenti rapidi del Ministero dell’Ambiente e controlli sulle merci importate nel nostro Paese” ha aggiunto Prandini nel sottolineare l’esigenza di dare veloce attuazione al nuovo regolamento per l’immissione di specie e popolazioni non autoctone di organismi antagonisti di insetti alieni nel territorio italiani. Si tratta in particolare – spiega la Coldiretti Emilia-Romagna  - della possibilità di diffusione nelle campagne della “vespa samurai”, nemica naturale della cimice asiatica. Una possibilità che deve essere garantita già durante la campagna agricola in corso.
 
La lotta al terribile insetto – informa Coldiretti Emilia Romagna - per ora può avvenire attraverso protezioni fisiche come le reti a difesa delle colture. Per contrastare la proliferazione dell’insetto alieno è dunque importante proseguire a marcia spedita con la ricerca per interventi a basso impatto ambientale, attività già avviata con successo per esempio nella provincia di Modena dove, grazie all’attività del Consorzio Fitosanitario provinciale, sono state messe in campo innumerevoli attività per la verifica di metodi di lotta con insetti antagonisti insetto autoctoni come l’Anastatus bifasciatus che si nutre delle uova di cimice.
 
La situazione è particolarmente difficile - denuncia Coldiretti Emilia Romagna - soprattutto nella nostra regione. I danni alle produzioni, pere in particolare ma non solo, ammontano in molte zone tra il 40% ed il 100% con imprese che si troveranno in una situazione gravissima. Da un lato è necessario accelerare il più possibile i lanci degli insetti antagonisti – sostiene Coldiretti Emilia Romagna – ma dall’altro è importante che le istituzioni non facciano mancare il loro apporto con risorse economiche da mettere in campo a sostegno del mondo agricolo.
Il settore frutticolo dell’Emilia Romagna – afferma Coldiretti regionale – è a rischio e chiediamo a tutte le istituzioni competenti di mettere subito in campo soluzioni che vadano a prevenire e risarcire i danni alle aziende agricole. 
Inoltre riteniamo che la Regione – continua Coldiretti Emilia Romagna – possa attivare, come già avvenuto in passato per altre emergenze fossero esse zoopatie o fitopatie,  una serie di interventi finanziari e agevolativi per far fronte al mancato reddito delle imprese, attraverso convenzioni con le banche, l'intervento dei Consorzi Fidi, la sospensione di mutui, pagamenti, tasse, contributi per compensare e non appesantire il bilancio delle aziende gravato  dalle spese colturali sostenute per una produzione che rischia di venire azzerata e di non produrre quindi alcun reddito. 
 
La “cimice marmorata asiatica” arriva dalla Cina ed è particolarmente pericolosa – sottolinea la Coldiretti – per l’agricoltura perché prolifica con il deposito delle uova almeno due volte all'anno con 300-400 esemplari alla volta che con le punture rovinano i frutti rendendoli inutilizzabili e compromettendo seriamente parte del raccolto. La diffusione improvvisa di questi insetti che non hanno nemici naturali nel nostro paese – spiega la Coldiretti – è favorita dalle alte temperature e dalla loro polifagia, potendosi spostare su numerosi vegetali, coltivati e spontanei. La lotta in campagna per ora può avvenire attraverso protezioni fisiche come le reti a difesa delle colture. Per contrastare la proliferazione dell’insetto alieno è dunque importante proseguire a marcia spedita con la ricerca. 
 
Sotto accusa è il sistema di controllo dell’Unione Europea con frontiere colabrodo – conclude Coldiretti – che hanno lasciato passare materiale vegetale infetto e parassiti vari. Una politica europea troppo permissiva che consente l’ingresso di prodotti agroalimentari e florovivaistici nell’Ue senza che siano applicate le cautele e le quarantene che devono invece superare i prodotti nazionali quando vengono esportati con estenuanti negoziati e dossier che durano anni e che affrontano un prodotto alla volta.